Le ultimissime
ItaliaFreePress

Papio, il torrente Santa Cecilia e il rischio alluvione

Estimated reading time:0 minutes, 54 seconds

di Angelo Papio*

Se in Emilia Romagna è successo ciò che è successo, in qui a Monopoli la stessa pioggia avrebbe provocato un’ecatombe.

Per questo il progetto di ripristino del vecchio torrente S.Cecilia, vicino alle colonne di S.Stefano, e l’allargamento dell’ultimo tratto del torrente Pagano, vicino ai campi sportivi di Copacabana, finanziati dalla Regione Puglia con oltre 7 milioni di euro, è stato subito approvato, circa un anno fa in Consiglio comunale, anche da noi della minoranza.

Ovviamente, trattandosi di puro interesse pubblico, la maggioranza se ne è completamente disinteressata. Non ha detto una parola sul progetto (per mitigarne l’impatto ambientale è dovuta intervenire la Soprintendenza) e non ha mai pressato la Regione per accorciare i tempi di realizzazione.

Ma c’è di più. Il progetto della Regione, o meglio dell’Autorità di Bacino, ha modificato radicalmente un precedente progetto comunale, che pretendeva di allargare il tracciato di un canale artificiale esistente (a fianco della strada litoranea per il Capitolo), nato per ben altri motivi e incompatibile con la mitigazione del rischio idrogeologico.

Questa è l’Amministrazione che pochi giorni fa, 3 monopolitani su 4, hanno riconfermato al governo del nostro territorio.